“MARIO CALANDRI il ritorno”

Le parole di Emilio Isgrò
07/03/2021

“MARIO CALANDRI il ritorno”

collezione Adriano e Rosalba Benzi

a cura di Adriano Benzi e Rosalba Dolermo

Acqui Terme dal 18 luglio al 29 agosto

Palazzo Robellini  –  Piazza Levi

Inaugurazione Sabato 17 Luglio  2021 – ore 18,30

Canelli dal 19 settembre al 10 ottobre

Salone Riccadonna – Corso Libertà 25

Inaugurazione Sabato 18 Settembre 2021 – ore 18,30

La mostra in oggetto, MARIO CALANDRI il ritorno – il ritorno, s’intende, nei luoghi dove in passato si tennero sue fondamentali esposizioni – consiste in una rassegna di circa 120 opere (calcografie-acqueforti, libri d’artista e, in minor numero, disegni, tecniche miste, acquerelli) del grande artista torinese, che permettono di ripercorrere le tappe fondamentali del suo lavoro. Mario Calandri è considerato uno dei massimi incisori del XX secolo e si colloca nell’olimpo degli artisti specializzati nella grafica. L’artista torinese è stato anche un pittore, disegnatore, acquarellista capace di effettuare sostanziosi scambi artistici tra l’incisione  e la pittura modulando ed influenzando, ora nell’uno ora nell’altro, invenzioni ed emozioni. Calandri come incisore ha partecipato alle più importanti rassegne nazionali e internazionali ed ha esposto  in numerosissime mostre personali in Italia e all’estero. Mostre di Mario Calandri  si sono già tenute ad Acqui Terme nel 1988 a Palazzo Robellini, e nel 1994 l’antologica al Liceo Saracco. A Canelli , nel Centro per la Cultura e per l’Arte Luigi Bosca, nel 1985 A Cavatore, a Casa Felicita, Calandri Intimo nel 2003. A corredo dell’esposizione  un video ed un catalogo con tutte le immagini in gruppi omogenei e commentate da scritti di Elisabetta Cocito e Gianfranco Schialvino.

L’esposizione elegante e raffinata, così come nella natura dell’artista, è composta da numerose opere che percorrono la vita dell’artista. un viaggio nel suo mondo e nella sua creatività dove il segno è al massimo della sua potenza, in particolare nelle opere di piccolo formato, un percorso che prevede una lunga ricerva espressiva giocata sull’equilibrio, sul bilanciamento tra bianco e nero, tra vuoti e pieni e sfumature dove il tratto è più delicato. Anche l’uso del colore è utilizzato sapientemente a rappresentare e sottolineare l’aspetto simbolico. Gli spazi sono delineati dalle linee di forza che segnano confini e stabiliscono relazioni, figure, profili, particolari voluttuosi, silhouette di mimi e personaggi di sfere particolari. Un segno dopo l’altro con paziena e precisone rendono la composizione stabile e piacevole all’occhio dello spettore che ne rimane incuriosito e interessato. L’aspetto fondamentale è la ricerca dell’ordine. Grande pittore e incisiore ha sperimentato varie tecniche e vari materiali e ha realizzato anche bellissimi quadri. Oltre ad essere considerato uno dei massimi incisori del XX secolo e si colloca nell’olimpo degli artisti specializzati nella grafica. L’artista torinese è stato però anche un pittore di ottima qualità interagendo e interscambiando i due mondi.

Data e orario: Acqui Terme dal 18 Luglio  al 29 Agosto 2021  da Martedì a Domenica  10 – 12,30 e 16 – 19 Canelli dal 19 Settembre al 10 Ottobre 2021  da Martedì a Domenica  10 – 12,30 e 16 – 19 Lunedì chiuso – Ingresso gratuito – Catalogo in mostra info: rosalba.dolermo@alice.it – benzi.adriano@mclink.it – info@vecchiantico.comcultura@comuneacqui.com – 0144 770272 – – manifestazioni@comune.canelli.at.it – 0141/820272 http://www.mostre-vecchiantico.com  – 330 470060 con il patrocinio di Città di Acqui Terme, Città di Canelli Cento Amici del Libro,  Rotary Club Acqui Terme, Rotary Club Canelli – Nizza Monferrato

Salone espositivo
Melograni,1971 Acquaforte, vernice molle e puntasecca a due colori mm317x250 foglio mm 695×500 Tiratura esemplari 20 in numeri arabi, XXV in numeri romani a un colore e alcune prove, Pubblicato catalogo generale “Calandi le incisioni 1937-1991” Editore U.Allemandi pag 188 n.256 con titolo e dimensioni leggermente diversi Esemplare si presume di prova in quanto il colore rosso (pastello) è dato manualmente

il Mimo Marceau 1957 Acquaforte mm 324×237 foglio mm 700×500 tiraturam esemplari 30 in numeri arabi, X in numeri romani, alcune prove Pubblicato catalogo generale “Calandri le incisioni 1937-1991” Editore U, Allemandi pag 50 n.110
Senza Titolo (Tiro a segno) 1971 Acquaforte, acquatinta e imprimiture mm 192×142 foglio mm 345×250 Tiratura esemplari 75 in numeri arabi alcune prove, Pubblicato catalogo generale “Calandri le Incisioni 1937-1991” Editore U. Allemandi pag 190/216 n 261
Fichi e vespe 1991 Acquaforte mm 319×240 foglio mm 703×495 Tiratura esemplari 50 in numeri arabi alcune prove, Pubblicato catalogo generale “Calandri le Incisioni 1937-1991” Editore U. Allemandi pag 212 n 34

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *