Ezio Bosso: il dolore che si fa bellezza. Il gesto che si fa poesia. La sofferenza che si fa arte.

Maratona letteraria in streaming: ascoltiamo i grandi classici commentati e letti dai protagonisti della cultura
05/16/2020
COSA SARÀ: Marianna Aprile dialoga con Franco Arminio
05/24/2020

Ezio Bosso: il dolore che si fa bellezza. Il gesto che si fa poesia. La sofferenza che si fa arte.

Il dolore che si fa bellezza. Il gesto che si fa poesia. La sofferenza che si fa arte. La disabilità portata con un pudore sfrontato, carico di malinconia e di gioia, di ferite rimarginate, di fatiche sconosciute, a tratti solo intuite, e di note ancora da suonare, ancora da comporre, ancora da affidare ad altri: i musicisti da dirigere con una bacchetta che si faceva ferma e decisa, nella fragile delicatezza di un movimento che è sempre diverso anche quando lo spartito è lo stesso. Rigore, sacrificio, disciplina.

Al padre, nella Torino operaia travolta dal terrorismo, dissero: «I figli degli operai fanno gli operai». E lì è iniziata la sua lotta: la distruzione degli ascensori sociali che sono sempre bloccati, in questo Paese; l’annientamento dei tanti stereotipi che gli hanno cucito addosso. Diceva: «Io resto a difendere il mio modo di fare musica, che è un modo sacrificale, di impegno assoluto. Perché non basta – aggiungeva schiaffeggiando la retorica – metterci il cuore. Serve impegno, fatica».

Poteva fare il personaggio, in quest’Italia sempre in cerca di idoli. Invece è rimasto se stesso. Fino alla fine. Facendo vivere la musica. Facendola sua. Lasciandocela in dono. Diventando – grazie anche a quel Sanremo che lo fece scoprire al grande pubblico – uno di famiglia. Anche se in pochi possono dire d’averlo conosciuto davvero, Ezio Bosso, lo straordinario artista che è morto a 48 anni – dannatamente presto -, sconfitto da uno dei tanti mali con i quali aveva combattuto.

Ci piace ricordarlo con questa intervista, dove presenta il concerto con l’orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia del 12 luglio 2017, raccontando il suo rapporto con la musica.

Fonte: www.santacecilia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *